Gli esami di laboratorio

Per diagnosticare e monitorare i pazienti con tumore cerebrale viene utilizzato un certo numero di test di laboratorio. La conoscenza di questi esami - che cosa sono, come funzionano e quello che possono e non possono mostrare - può aiutati a sentirti più a tuo agio. Alcuni test di laboratorio vengono utilizzati per verificare la presenza di un tumore al cervello. Altri sono utilizzati per valutare se i farmaci o trattamenti sono efficaci e se il tumore è in crescita o in regresso.

I test di laboratorio comuni nei pazienti con tumori cerebrali includono:

La puntura lombare: Questa procedura viene utilizzata per ottenere un campione di liquido cerebrospinale (CSF). Il campione viene esaminato in laboratorio per determinare se sono presenti cellule tumorali, infezione, proteine, o sangue. Queste informazioni sono particolarmente utili nella diagnosi del linfoma primitivo del sistema nervoso centrale (CNS), e dei tumori della regione pineale o meningea. Dopo l'intervento chirurgico, la presenza di cellule tumorali nel CSF indica che il tumore si è diffuso. Queste informazioni vengono utilizzate per la stadiazione dei tumori e aiuta il medico a scegliere il miglior trattamento per il paziente. Il CSF può essere esaminato anche per la presenza di marcatori tumorali noti, oltre alle cellule tumorali, e sostanze che indicano la presenza di un tumore.

Mielogramma: Prima di un mielogramma viene eseguita una puntura lombare per iniettare un mezzo di contrasto. Il paziente viene quindi inclinato per permettere al m.d.c. di mescolarsi con il CSF. Questo test è utilizzato principalmente per la diagnosi di un tumore spinale e per ottenere informazioni pre-operatorie per la chirurgia del tumore spinale. Va notato che la RM ha sostituito mielografia in molti casi.

Potenziali evocati: L’esame dei potenziali evocati utilizza piccoli elettrodi per misurare l'attività elettrica di un nervo. Questo test è particolarmente utile nella diagnosi di un schwannoma vestibolare (neuriroma acustico). I potenziali evocati possono anche essere utilizzati per monitorare la funzione neurologica durante la rimozione chirurgica del tumore.

Audiometria: Un test dell'udito che è utile nella diagnosi di un tumore ponto-cerebellare come il schwannoma vestibolare (neurinoma).

Esami endocrinologici: Insieme alle scansioni, la misurazione dei livelli di ormone nei campioni di sangue e/o urina sono utilizzati per diagnosticare tumori pituitari e/o ipotalamici.

Perimetria: Questa tecnica misura la dimensione dei campi visivi. I dati ottenuti possono essere utili nella diagnosi di un tumore nella zona del chiasma ottico, come ad esempio un tumore pituitario.

Ricerca dei Biomarkers: Negli ultimi anni, i biomarcatori sono stati utilizzati per identificare alcuni tumori. I biomarcatori sono altri materiali cellulari distinti, come proteine o DNA da cellule tumorali cerebrali. Questi biomarcatori possono essere raccolti nel sangue, nelle urine, nel liquido spinale cerebrale, nella saliva o nel tessuto cerebrale. Questi minuscoli frammenti di materiale genetico vengono esplorati per il loro potenziale utilizzo nella diagnosi, nel trattamento e nel monitoraggio dell'efficacia dei farmaci nei pazienti con tumori cerebrali. (vedi: esami genetici)

 

È importante ricordare che le informazioni che presentiamo sono offerte per un  orientamento generale e  in nessun caso possono sostituire una consulenza medica specialistica. Se hai domande sui sintomi, la diagnostica o i trattamenti dei tumori del cervello ti preghiamo di contattare il tuo medico.

Questo sito usa i cookie per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.