Richard Beliveau è uno scienziato biochimico, Direttore del Laboratorio di Medicina Molecolare dell’Università di Montreal, Direttore Scientifico del programma di prevenzione e trattamento del cancro.

Da oltre 15 anni ha orientato la sua ricerca sperimentale alle proprietà anticancro dei diversi alimenti, contribuendo in modo fondamentale a dimostrare che alcune classi di molecole contenute nei vegetali hanno una importante attività anticancro. Ha scritto vari libri, tra cui   “L’alimentazione anti-cancro, Sperling & Kupfer, Milano 2006” e “Le Ricette anti cancro, Sperling & Kupfer, Milano 2010”.

In questo nuovo libro, Beliveau riassume lo stato dell’arte delle conoscenze sulla prevenzione del cancro partendo dalle 10 raccomandazioni frutto della ricerca della WCRF (World Cancer Research Fund International – www.wcrf.org). A queste aggiunge la sua esperienza e descrive con riferimenti epidemiologici e sperimentali i motivi per cui i comportamenti raccomandati riducono il rischio di tumore e i meccanismi fisiologici che sono coinvolti corredando il volume con 45 pagine di bibliografia scientifica a dimostrare che oggi le regole da seguire per prevenire il cancro sono conoscenza scientifica acquisita e non opinioni di qualche guru macrobiotico.

Le raccomandazioni: smettere di fumare, controllare il peso corporeo, consumare poche carni rosse, mangiare verdura, fare esercizio fisico, moderare l’alcool, limitare il sale e gli alimenti conservati, proteggere la pelle, non fare uso di integratori.

Queste regole, che sono prodotto dell’analisi rigorosa delle ricerche degli ultimi decenni, rappresentano la migliore arma di cui disponiamo per combattere il cancro e, per la prima volta, offrono a quanti sono sopravvissuti alla malattia uno strumento concreto per la prevenzione delle recidive e per migliorare la loro speranza di vita.

RICHARD BELIVEAU e DENIS GINGRAS : Vivere anti-cancro, Sperling & Kupfer, Milano 2015
RICHARD BELIVEAU e DENIS GINGRAS : Le ricette anti-cancro, Sperling & Kupfer, Milano 2010
RICHARD BELIVEAU e DENIS GINGRAS : L’alimentazione anti-cancro, Sperling & Kupfer, Milano 2006

 

 

 

 

 

 

 

Questo libro è frutto del progetto DIANA, coordinato dal dottor Franco Berrino dell’Istituto nazionale Tumori di Milano, che dal 1995 studia il rapporto tra alimentazione e tumore al seno coinvolgendo migliaia di donne in tutta Italia.  Questo libro, basato sui risultati di questo importantissimo studio, spiega come, modificando la propria dieta, sia possibile ridurre i fattori di rischio del tumore e delle recidive. Ma non solo: seguendo i suggerimenti del progetto DIANA si possono alleviare gli effetti collaterali delle terapie e aumentarne l’efficacia.

Più in generale questo stile di vita alimentare combatte il sovrappeso senza dover contare le calorie, e aiuta a prevenire l’osteoporosi, il diabete, l’ipertensione, l’anemia , l’eccesso di colesterolo e di trigliceridi.  Per questo il libro raccoglie molti consigli pratici per modificare le abitudini scorrette e imparare a fare la spesa in modo consapevole, leggere le etichette, scegliere i cibi, le cotture, le conservazioni più salutari. Risultato: tante ricette facili e appetitose per comporre menù vari e sfiziosi che ci fanno evitare i principali errori dell’alimentazione moderna.

Anna Villarini, ricercatrice dell’Istituto Tumori, e lo chef Giovanni Allegro, che da anni tiene corsi di alimentazione presso la Cascina Rosa, scuola di cucina dello stesso Istituto, ci propongono un’alimentazione naturale e gustosa, adatta a tutta la famiglia, per mantenerci sanio, se siamo già malati, per alleviare i sintomi e supportare le terapie. Un approccio incentrato sulla risorsa più importante: noi stessi e la nostra capacità di diventare protagonisti della nostra salute.

ANNA VILLARINI e GIOVANNI ALLEGRO: Prevenire i tumori mangiando con gusto, Sperling & Kupfer, Milano 2009

 

 

Il libro parte dall’esperienza personale dell’autore, neuropsichiatra francese, ricercatore e professore di psichiatria all’Università di Pittsburgh, che nel 1992, a 31 anni, scoprì di avere un tumore al cervello: Il cancro che lo colpì era un astrocitoma. Fu operato, ebbe una recidiva nel 2000 e una nuova operazione chirurgica, radio e chemioterapia.

Da allora Servan-Schreiber, senza mai abbandonare le terapie mediche tradizionali, ha concentrato i suoi sforzi per ricercare nella letteratura scientifica i metodi e le terapie naturali che potessero aiutarlo nella sua battaglia contro il cancro. Nel 2007 ha pubblicato il libro “Anticancro - Prevenire e combattere i tumori con le nostre difese naturali”, divenuto rapidamente un bestseller mondiale, nel quale raccoglie le lezioni apprese nella sua ricerca personale e propone una pratica di prevenzione e integrazione delle terapie classiche utilizzando i risultati conseguiti dalla ricerca per costruire una biologia anticancro, fondata sul potenziamento delle capacità del corpo e della mente, e efficace tanto per prevenire la apparizione di questa malattia che per ostacolare la sua progressione. Secondo Servan-Schreiber noi possiamo agire in quattro campi principali: proteggerci dagli squilibri dell’ambiente intorno a noi; correggere l’alimentazione; guarire le nostre ferite psicologiche; stabilire una relazione differente con il nostro corpo.

Nel 2010 ha avuto una recidiva della malattia, stavolta come glioblastoma, e l'anno seguente è stato sottoposto ad un intervento chirurgico seguito da radioterapia e da cure sperimentali basate sull'immunoterapia (un "vaccino" che insegna ai globuli bianchi a riconoscere e combattere le cellule cancerose); dopo un lieve miglioramento, tuttavia, nel 2011 il tumore ha cominciato però a crescere di nuovo e il ricercatore è deceduto mentre si trovava nella casa di famiglia in Francia. Nei suoi ultimi mesi di vita, ha scritto e pubblicato il libro “Ho vissuto più di un addio”, il suo testamento scientifico e spirituale, nel quale si pone con lucidità e coraggio anche la domanda più dura: i suoi principi anticancro funzionano davvero? La risposta è netta ed è si, perché gli hanno concesso molti più anni – intensi e gratificanti – rispetto all’infausta prognosi iniziale.

Come sempre, quando si parla di medicina naturale, integrazione corpo e mente, etc., le polemiche tra le diverse fazioni del mondo scientifico sono all’ordine del giorno. E anche nel caso di Servan-Schreiber non sono mancate le opinioni critiche sulle sue ricette. Tuttavia alcuni fatti sono inconfutabili: una sopravvivenza al cancro di 19 anni, e in buone condizioni di vita, è un dato che non può essere sbrigativamente attribuito al caso; inoltre, la maggior parte dei suggerimenti relativi all’alimentazione e all’attività fisica come elementi fondamentali per una strategia di prevenzione del cancro, sono stati successivamente fatti propri dalle istituzioni scientifiche più rispettate, come ad esempio il World Cancer Research Fund (vedi le 10 raccomandazioni del WCRF).

DAVID SERVAN SCHREIBER: Anticancro, Sperling & Kupfer, Milano 2008

Chi è online

Abbiamo 60 visitatori e nessun utente online

Iscriviti alla nostra Newsletter

 

Dona il 5x1000 ad IRENE onlus

Diventa socio

Portale di Neuro-Oncologia

Portale di Neuro-Oncologia

Visita il nuovo Portale di Neuro-Oncologia del UOSD Neurologia dell'Istituto Nazionale Tumori Regina Elena
Link: portaleneuroncologia.it

IRE - Istituto Nazionale Tumori Regina Elena

Questo sito usa i cookie per migliorare i servizi e analizzare il traffico. Navigando nel blog accetti l'uso dei cookie. Se vuoi saperne di più clicca qui.